Progetti

Progetti

Nel corso degli ultimi 100 anni, i centenari sono passati da meno di 50, ai quasi 8 mila di oggi.
La vita media si sia allungata, ma si sta riducendo l’aspettativa di vita in salute. I tumori aumentano non solo per uno stile di vita errato ma soprattutto per l’aumento dell’età media, colpendo principalmente in una fascia di età avanzata, difficile da raggiungere in passato, dove si moriva precocemente per altro. Il motivo di questi cambiamenti è l’aumento delle comodità e il progresso tecnologico, anche nel campo medico, ma allo stesso tempo la pigrizia e la mancanza di prevenzione e uno stile di vita e alimentare poco attento, fin dalla tenera età. Se vogliamo contrastare osteoporosi, fratture, demenza, fragilità dell’anziano e denutrizione, dobbiamo agire sul comportamento in età infantile, adolescenziale ed adulta. Non ha senso aspirare a raggiungere il traguardo dei 120 anni, e poi farlo in cattiva salute, con una politerapia o grazie a continui ricoveri.
Per questo è fondamentale stare alla larga dalle numerose promesse del marketing salutistico che ci promettono di migliorare la vita e allungarla, a partire da integratori, creme, pozioni, religioni alimentari ed eliminazione di questo o di quello.
Per invecchiare bene dobbiamo curare sia il corpo che la mente. Non bisogna privarsi dei piaceri, delle emozioni, della curiosità, di piccoli vizi e della convivialità, soprattutto a tavola.
Mangiare il giusto, variare, masticare, gustarsi i momenti passati intorno al cibo, camminare molto, avere tanti amici, lavorare con piacere e per il giusto tempo, dormire bene, esporsi al sole quotidianamente, vivere all’aria aperta, respirare bene e rilassarsi, tenersi mentalmente attivi e motivati, dedicarsi a occupazioni gratificanti, contrastare lo stress, avere una vita sessuale e amorosa appagante, anche in tarda età; avere fede, godersi i benefici del sole, avere la giusta dose di vitamina D, integrare quando serve antiossidanti e omega 3, allontanare gli eccessi, come fumo e alcool sono alla base di una salute duratura.
Per questo stiamo lavorando a diversi progetti per promuovere uno stile di vita sano e attivo. Tra questi ricordiamo:

Progetto C.O.V.E.R.

È preferibile mangiare un cibo anche un pò nocivo ma gradevole, piuttosto che un cibo indiscutibilmente sano ma sgradevole – Ippocrate

Il progetto, che lavora in tutto l’ambito nazionale, si propone di creare un gruppo di produttori etici e onesti, preparati scientificamente dal nostro team, sia in termini di sicurezza alimentare e igiene che dal punto di vista della promozione salutare dei loro prodotti, creando una etichetta nutrizionale trasparente, che possa raggiungere il consumatore, formandolo e informandolo su quello che sta acquistando. L’acronimo C.O.V.E.R. sta ad indicare la produzione di cibo CONSAPEVOLE, ONESTO, VERO, ETICO e RESPONSABILE. Ai produttori si affiancheranno ristoratori coscienziosi che portano avanti le tradizioni e la cucina del territorio, utilizzando i prodotti in questione e creando dei menu diversificati a seconda delle necessità etiche, salutari e patologiche dei pazienti. L’obiettivo è quello di riuscire a garantire ai produttori la vendita dei loro prodotti anche nel territorio d’origine, creando il vero cibo locale, oltre a riuscire a programmare le produzioni e le vendite di anno in anno, mentre ai ristoratori quello di ottenere materie prime derivanti da una filiera corta garantita e controllata dal marchio ComeMangi®, riuscendo a ridurre da entrambe le parti i costi, aumentando la sicurezza e la qualità. In tutto questo a beneficiarne sarà anche il consumatore finale, che verrà adeguatamente formato all’acquisto, attraverso corsi, seminari e degustazioni.

Abruzzo nel piatto

Abruzzo, forte e gentile – Primo Levi

Il progetto, vuole riunire tutti i produttori presenti all’interno del Parco Nazionale della Majella, valorizzando le loro creazioni e creando nei ristoranti aderenti, dei menu a filiera corta supportati da descrizioni scientifiche delle materie prime e dei piatti. Tale progetto si propone sia di far conoscere ai turisti il prodotto locale e le tradizioni culinarie del luogo, sia di far capire alla popolazione locale che oggi è possibile riuscire a mangiare in maniera sana grazie a produttori etici che portano avanti con coraggio il loro lavoro, facendo crescere l’economia locale e riducendo i costi legati alla filiera corta, garantita dagli esperti del team.
A questo, si aggiungerà la promozione dei prodotti e delle ricette, formando le persone a riconoscere le truffe che ruotano intorno al cibo e alle frodi che commettono molti produttori. L’obiettivo è far crescere sia i consumatori che i produttori, riducendo i costi.

ComeMangi® Express

Solo chi non ha fame è in grado di giudicare la qualità del cibo – Alessandro Morandotti

Ogni giorno vengono consumati oltre il 24% delle persone mangia fuori casa e gran parte di esse ha poco tempo per mangiare, rifugiandosi sempre più spesso nei cibi preconfezionati e precotti.
Si tende inoltre sempre più a fare spuntini durante la giornata, ricorrendo spesso a snack pronti senza consapevolezza del proprio stile di vita.
L’obiettivo di questo progetto è quello di portare la sana alimentazione e scelte nutrizionali consapevoli in tutti i luoghi in cui sono presenti distributori automatici di cibo, non solo per gli spuntini, ma anche pasti equilibrati da consumare sul posto e senza la necessità di cucinare. Il target sono uffici, ospedali, palestre, centri benessere, luoghi di aggregazione, università, centri sportivi ma soprattutto scuole, permettendo agli studenti di beneficiare di prodotti freschi a filiera corta, la cui qualità è garantita dall’onestà dei produttori e dal controllo della filiera.
Questo avviene grazie all’impegno del team che garantisce rigide regole di sicurezza alimentare e produzioni visionabili durante tutto l’anno, rispettando quando necessario, stagionalità e biodiversità, premiando chi lavora con etica e salvaguardando la salute, attraverso la conoscenza del cibo.
Questo progetto pone la sua attenzione sia alla quantità sia alla qualità dei cibi, indici indispensabili della salubrità di un alimento già pronto. I prodotti offerti dai distributori della salute sono anche ecosostenibili e, per quanto possibile, a filiera corta e provenienti da aziende certificate dal nostro team. Saranno inoltre presi in considerazione prodotti per una fascia specifica di persone, ad esempio gluten free o per diabetici. Particolare attenzione verrà posta all’eccesso di sale e di altri nutrienti, in accordo con le Linee Guida ufficiali.

ComeMangi® Easy

Non riesco a sopportare quelli che non prendono seriamente il cibo – O. Wilde

Nella società odierna, gli impegni lavorativi ci obbligano spesso a mangiare fuori casa, al bar o al ristorante vicino al nostro ufficio. L’indagine Multiscopo Istat dimostra che in Italia nel 2011 circa il 30% della popolazione consumava il pranzo fuori, quota che arriva al 50% se si considera solo la popolazione maschile tra i 35-44 anni. Soprattutto per chi sta seguendo una dieta è davvero difficile riuscire a seguire delle regole attente. Ma diventa difficile anche per chi non è a dieta riuscire a fare delle scelte salutari che si ripercuotono sia sull’efficienza lavorativa, sia sul benessere della persona. Proprio per questo, in tanti fanno delle scelte non idonee, spesso mangiando sempre le stesse cose o essendo costretti a portare il cibo da casa, anche se non sempre è possibile o vi sono difficoltà nel preparare un pasto caldo.
Il nostro team ha studiato insieme agli chef le migliori soluzioni da adottare per il tuo pasto fuori casa, sia a pranzo che a cena. Ha selezionato una rete di offerte ristorative ad un prezzo adeguato, studiando le giuste porzioni e le giuste quantità di nutrienti.
L’esigenza di garantire uno stile alimentare corretto a chi pranza fuori casa è uno degli obiettivi che il nostro team si è prefissato, attraverso la creazione di etichette e menu trasparenti, porzioni adeguate alle esigenze dei clienti, serviti in appositi piatti accuratamente disegnati.
L’adesione al progetto è quindi un motivo di attrattività e di vantaggio per la ristorazione: la creazione di piatti sani, caratterizzati dall’attenzione ai sapori, ai colori e agli abbinamenti rappresenta un momento di espressione della creatività e della competenza dell’esercente e quindi un valore aggiunto per l’attività commerciale. Saranno presenti inoltre menù ad hoc per celiaci, soggetti allergici e per malati di patologie metaboliche, garantendo trasparenza assoluta sulle proprietà delle materie prime e sulle modalità di preparazione delle pietanze.

ComeMangi@home

Se un uomo ha fame, non dargli il pesce insegnagli a pescare – Antico proverbio cinese

L’obiettivo del progetto è quello di riuscire a portare nelle case, in ufficio o sui luoghi in cui si effettuano i normali pasti quotidiani, combinazioni alimentari equilibrate, create con i prodotti di produttori di fiducia, meglio se di provenienza locale, secondo direttive scientifiche. Tutto questo avviene attraverso la valutazione dei singoli soggetti a cui non viene imposta una dieta da seguire, ma viene garantita nel tempo una educazione alimentare, dal fare la spesa, alla cucina fino alla giusta porzione. Questo permette, durante un percorso di non fare scelte casuali e di non saltare i pasti, mangiando alimenti in maniera equilibrata, senza perdere in sapori e gusto, grazie alla sapienza degli chef facenti parte del team.

ComeMangi® to go

Non c’è uomo che non mangi e non beva. Pochi, però, sono quelli che apprezzano il buon sapore – Chan Chung-Yung

Vuoi mangiare in maniera sana fuori casa e non sai come fare?
Abbiamo creato dei menu specifici per tutte le esigenze. Sarà possibile scegliere tra il bar, supermercato, alimentari, gastronomia o ristorazione. Il Metodo Sensoriale ComeMangi® entra nei ristoranti, creando dei menu spiegati in maniera scientifica, con piatti e ricette per ogni esigenza di gusto, palato e salute.
Nei ristoranti aderenti, ai menu tradizionali, affiancheremo pietanze create ad hoc dal medico specialista insieme al team di chef, al fine di soddisfare la crescente richiesta di cucina salutare. Ogni piatto verrà spiegato e preparato con prodotti di origine garantita. Ogni informazione sarà appositamente messa a disposizione dei clienti, creando una maggiore informazione e una coscienza alimentare, anche fuori casa.
A questo si affiancherà anche la possibilità di usufruire del servizio take away o sfiziose ricette da preparare anche a casa da portare sul luogo desiderato (ufficio, scuola o luoghi all’aperto), consumando i pasti anche in viaggio, utilizzando appositi breakfast, lunch o dinner box firmati ComeMangi®.

L’insolita bevuta

Per promuovere al meglio la riscoperta dei nostri 5 sensi, abbiamo pensato a diversi eventi, percorsi, sorprese, capaci di stimolarli e permetterci di ricordare a lungo quelle esperienze.

La condivisione delle emozioni, lasciandosi andare di fronte ad alcuni momenti di piacere, è fondamentale. Per questo, abbiamo pensato di regalare salute, attraverso la prevenzione. Il progetto nasce dalla collaborazione con il sommelier ed esperto di abbinamenti sensoriali Carlos Casasanta.

Oggi si sente sempre più spesso parlare di gusto e degustazione in maniera più commerciale che scientifica. Lo sviluppo dei sensi avviene però nell’infanzia con lo svezzamento, ovvero il primo incontro tra il patrimonio genetico del bambino, fino ad allora abituato solamente al seno della madre, con la biodiversità e varietà alimentare. Il ruolo del gusto è quello di riconoscere le sostanze chimiche di cui si compongono cibi e bevande, facendo una distinzione tra quelli ricchi di nutrienti, indispensabili per la crescita e la sopravvivenza, da quelli potenzialmente tossici o avariati (e quindi da scartare). Il nostro apparato gustativo si è infatti evoluto in modo da attirarci verso alimenti più ricchi di calorie, amminoacidi, sali minerali e altri nutrienti essenziali.

Degustare un cibo significa tenerlo in bocca (come il sommelier fa con il vino o l’olio) per il tempo necessario da consentire alle papille gustative di trasformare quello che mangiamo in una emozione.

Naturalmente cibo vuol dire anche territorio. Anche per questo, il nostro intento è quello di guidarvi all’interno delle produzioni sane, dal campo alla tavola, attraverso la creazione di appositi percorsi enogastronomici. Di seguito trovate alcuni eventi da noi creati per far conoscere il mondo della sensorialità.